Come fare il vino

come fare il vino

Dall’uva alla bottiglia
Come fare il vino

Dietro ogni bottiglia di vino c’è un processo lungo e antico che coinvolge diversi esperti del settore vitivinicolo.
Il vino si ottiene dalla fermentazione alcolica del succo ottenuto dalla spremitura delle uve. La presenza di lieviti naturali all’interno della buccia dell’acino d’uva attivano un processo di fermentazione che è in grado di trasformare lo zucchero contenuto nella polpa in alcol etilico e anidride carbonica. Ovviamente, in base al tipo di uva utilizzata e ai diversi tipi di vinificazione, si possono ottenere vini bianchi, rossi e rosati di diverse gradazioni alcoliche. Ora andremo a vedere nel dettaglio i singoli processi attraverso i quali potremmo avere una panoramica di come fare il vino.

La vendemmia

La vendemmia è il primo passo dell’intero ciclo produttivo del vino. La parola “vendemmia” deriva dal latino “vin-démia” ed è composta da “vinum” che significa vino, uva e “démia” che vuol dire prendere, raccogliere; per cui vendemmia vuol dire letteralmente raccolta delle uve. Anticamente era fatta esclusivamente a mano, oggi, invece viene eseguita anche meccanicamente. Il procedimento meccanico non consente di fare una cernita accurata delle uve, per questo motivo vengono raccolte anche le uve non del tutto mature.

La pigiatura

Dopo la raccolta delle uve, si procede con la pigiatura. Anticamente i grappoli raccolti venivano messi in un tino e pigiate a piedi nudi o anche con delle apposite scarpe di gomma. Oggi tranne alcune rare eccezioni, la pigiatura è effettuata esclusivamente tramite procedimenti meccanici. Il risultato della pigiatura delle uve è il mosto che successivamente viene purificato dalle impurità e corretto con sostanze che regolano l’acidità e la componente zuccherina.

La fermentazione

La fermentazione o vinificazione avviene in delle botti apposite chiamate tini. La fermentazione può durare da un giorno ad una settimana, ma può anche essere prolungata per quanto riguarda vini più complessi. E durante questo processo bio-chimico che lo zucchero contenuto nel mosto si trasforma gradualmente in alcol e anidride carbonica.

Vinificazione del vino bianco

La vinificazione segue un procedimento differente in base al tipo di vino che si vuole ottenere. Se il mosto viene fatto fermentare e viene separato dalle vinacce (le bucce dell’uva) e filtrato, si ottengono vini bianchi.

Vinificazione del vino rosso

Il vino rosso si ottiene lasciando fermentare il mosto insieme alle bucce, semi e raspini che rilasciano il colore tipicamente rosso e i tannini.

Svinatura e invecchiamento

La svinatura consiste nel travasare il vino, purificato dai residui solidi e dalle vinacce che restano depositate in fondo ai tini, nelle botti dove subiscono una seconda fermentazione e un ulteriore trasformazione dello zucchero residuo, il tutto ad una temperatura circa di 15 gradi. Arrivati a questo punto, i vini possono iniziare la fase di invecchiamento (se necessaria).